intestazione.jpg, 31 kB

Trattamento

>>

Interventi per il potenziamento delle capacità motorie

ragazzi della società sportiva Judo Ravenna

(da Vianello, 2006)

Adeguati interventi abilitativi possono anticipare i tempi di sviluppo delle capacità motorie. Nella tabella che segue sono distinte le tappe di sviluppo dei bambini con la sindrome di Down in generale (SDg), da quelle dei bambini che hanno usufruito di un buon trattamento abilitativo (SDa).

Lo sviluppo motorio in caso di sindrome di Down a confronto con quello dei bambini normodotati (N = età in mesi per la maggioranza dei bambini normodotati; SD = età in mesi per la maggioranza dei bambini con sindrome di Down) e distinguendo le situazioni in cui i bambini con sindrome di Down sono considerati in generale (SDg) e quelle in cui hanno usufruito di un intervento abilitativo specifico (SDa).
(Fonti principali Hanson, 1977; Rynders, 1981; Horrobin e Rynders, 1982; Cunningham, 1984; Baroff, 1986; Cencini e Bennardi, 1989; Istituto Italiano di Medicina Sociale, 1993; Rasore Quartino, 1999; Rynders, 1999; Zambon Hobart, 1996)

 Abilità motorie 

 

   Abilità motorie       

N media

N 80%     

 SDg media

SDg 80% 

  SDa media

SDa 80%

Seduto con appoggio tiene la testa eretta

3

1-4

5

3-9

4

3-8

Rotola (da pancia in giù a pancia inb su e viceversa)

5

3-8

8

5-12

7

4-10

Si muove carponi

6

4-9

16

11-30

14

11-22

Sta seduto da solo, senza appoggio, per breve tempo

7

5-9

9

6-16

8

6-15

Sta in piedi appoggiato ad un sostegno

8

6-10

15

10-30

12

9-24

Sta in piedi da solo senza appoggio

11

9-14

18

13-36

15

13-30

Cammina da solo senza aiuto

12

10-16

20

16-48

18

15-30

Sale le scale da solo

21

18-24

36

30-42

30

28-36

Scende le scale da solo

27

24-30

42

39-48

36

34-42

Istogramma Abilità Motorie

Si tratta di una tabella orientativa, ricavata dal confronto fra vari studi, che cerca di dare una visione globale dei possibili effetti positivi di un intervento abilitativo.
Tra i dati che meritano di essere sottolineati vi sono i seguenti:
- in tutte le attività la media relativa ai bambini che hanno usufruito di abilitazione (SDa) è in genere inferiore rispetto a quella degli altri bambini con sindrome di Down;
- le gamme di età relative all'acquisizione delle varie abilità motorie sono molto più ridotte per i bambini SDa.
I dati riassunti in tabella suggeriscono che l'intervento abilitativo anticipa un po' i tempi per i singoli bambini, ma soprattutto favorisce quelli che sarebbero stati più tardivi.
Un adeguato esame neuropsicologico richiede che vengano prese in considerazione almeno le seguenti aree:
- funzioni neurologiche di base e competenze posturo-motorie;
- competenze visuo-spaziali e temporali;
- competenze nella conoscenza e nell'uso del proprio corpo;
- competenze gestuali;
- competenze nell'uso di oggetti o strumenti;
- competenze costruttive;
- competenze grafiche. (Masi, Bargagna e Poli, 2001)
Fin da molto piccolo il bambino con sindrome di Down, anche a causa dell'ipotonia, trae beneficio da sedute fisioterapiche e di psicomotricità

Piazza Caduti per la Libertà 21 48121 Ravenna Tel. 0544.249128 Fax 0544.249149

intera.jpg, 3 kB