intestazione.jpg, 31 kB

Domande e Risposte

>>

Quando camminerà? E quando parlerà?

Quando camminerà? E quando parlerà?
Quando il bambino con sindrome di Down è piccolo (nei primi due o quattro anni di vita) i genitori si chiedono (e chiedono agli esperti, se hanno la fortuna di essere seguiti da esperti di psicologia dello sviluppo) qualcosa del tipo: “Sua sorella a questa età (18 mesi) camminava da almeno sei mesi, mentre Paolo riesce solo a spostarsi a quattro zampe: quando riuscirà a camminare?”
La sindrome di Down non comporta solo ritardo più o meno marcato nello sviluppo dell’intelligenza, ma anche, come è tipico del ritardo mentale, nello sviluppo motorio. Proprio per questo sono opportuni interventi abilitativi volti al potenziamento del fisico e dello sviluppo della motricità. Essi possono essere particolarmente utili. Nel caso non ci siano il bambino con sindrome di Down inizia a camminare da solo con molto ritardo rispetto ai bambini normodotati, ad esempio tra i 18 e i 24 mesi (in media a 20 mesi). Un intervento abilitativo può anticipare tali tempi di almeno due mesi. Resta il ritardo, ma ad un livello minore. L’esperienza di counselling con i genitori insegna che è opportuno tranquillizzare i genitori su questo aspetto dello sviluppo, dicendo loro che prima o dopo il bambino camminerà e che non è opportuno essere ansiosi per questo.
Diversa è la situazione quando la domanda è del tipo: “Come mai, pur avendo più di 12 mesi, Maria non parla ancora? Quando dirà le prime parole? E quando le prime frasi?”
Una risposta veritiera è in questo caso molto più difficile e complessa e richiede si considerino almeno tre aspetti diversi. Il primo è che lo sviluppo linguistico è nel complesso, per la sindrome di Down, più compromesso sia dello sviluppo motorio che dello sviluppo dell’intelligenza. Ci si deve perciò attendere un ritardo notevole nella produzione delle prime parole e ancor più delle prime frasi. Ad esempio prime parole a 24 mesi e prime frasi di due parole a 40 mesi. Il secondo aspetto da considerare è che la variabilità nella acquisizione di queste competenze è molto varia nella sindrome di Down e che una previsione è quasi impossibile anche per gli esperti, in quanto non è possibile prevedere lo sviluppo linguistico del singolo bambino dal suo sviluppo motorio e nemmeno dal suo sviluppo intellettivo. Il terzo aspetto è che alcuni bambini (pochi in percentuale) con sindrome di Down avranno sempre gravi carenze linguistiche (ad esempio esprimendosi quasi solo con parole singole e non con frasi). Come deve allora comportarsi l’esperto che segue un bambino e la sua famiglia? Con prudenza, ma anche con trasparenza, cioè trovando le parole giuste per dire la verità, anche se questo comporterà una certa dose di ansia nei genitori. Purtroppo i genitori devono aspettare e constatare giorno dopo giorno quali saranno i progressi, sapendo che sono molte le probabilità che il figlio prima o dopo acquisisca un linguaggio che gli permette di comunicare bene con gli altri, ma che vi sono anche alcune probabilità che il linguaggio resti povero. In ogni caso interventi abilitativi di potenziamento del linguaggio sono sempre utili, sia proposti da esperti, sia, coerentemente con il proprio ruolo e seguiti da un esperto, dagli stessi genitori.
L’integrazione e l’abilitazione proposta in Italia da più di trenta anni a questa parte ha portato a risultati nelle prestazioni linguistiche ritenuti nel passato quasi impossibili per la maggioranza delle persone con sindrome di Down. Questo è dovuto anche al fatto che a livello linguistico sono possibili progressi, anche nell’età adolescenziale e in quella giovanile e, per certi aspetti (quelli pragmatici, cioè relativi al riuscire comunque a comunicare adeguatamente), anche in quella adulta. Questo è reso possibile da interventi professionali mirati e costanti per molti anni.
RV

Per approfondire
Apri link interno nell'attuale finestra.Lo sviluppo motorio nei primi anni di vita.
Apri link interno nell'attuale finestra.Lo sviluppo linguistico nei primi anni di vita.
Apri link interno nell'attuale finestra.Interventi volti al potenziamento delle competenze comunicative e linguistiche.

Piazza Caduti per la Libertà 21 48121 Ravenna Tel. 0544.249128 Fax 0544.249149

intera.jpg, 3 kB