intestazione.jpg, 31 kB

Domande e Risposte

>>

Imparerà a leggere e a scrivere? E a fare i calcoli?

Imparerà a leggere e a scrivere? E a farei calcoli?
Soprattutto con l’ingresso nella scuola primaria i genitori iniziano a chiedersi se il proprio figlio o la propria figlia riusciranno ad imparare a leggere o a scrivere. Nella grande maggioranza dei casi essi dicono di non avere fretta e si comportano con gli insegnanti come se dessero per scontato che prima o dopo il figlio imparerà. In realtà, se si confidano con persone di cui hanno grande fiducia emerge che assieme alla speranza vi è anche il timore che questo non avvenga. Con il passare del tempo questo timore cresce perché di norma i progressi nei primi anni di scuola sono molto lenti ed instabili. E poi?
Sono opportune riflessioni e informazioni.
È importante sapere che almeno il 90% dei ragazzi con sindrome di Down ha la possibilità (nel senso di avere le basi cognitive necessarie) di imparare a leggere e scrivere almeno al livello tipico della prima elementare. Di norma le prestazioni in lettura sono migliori di quelle in scrittura. Questo avviene spesso con molto ritardo rispetto agli altri bambini. Purtroppo nel rimanente (meno del 10%) vi sono gli individui che hanno ulteriori carenze oltre a quelle tipiche della sindrome di Down (fisiche gravi, sensoriali, tratti autistici ecc.).
La realtà attuale è caratterizzata dal fatto che solo il 60-70% raggiunge questo risultato prima di abbandonare la scuola, cioè circa due ragazzi su tre rispetto a quelli che ne avrebbero le capacità. Si può ben dire: “Peccato, avrebbero potuto”. Evidentemente vi sono state delle carenze ambientali (familiari, scolastiche o più ampiamente sociali), che hanno inciso negativamente. D’altra parte spesso i risultati positivi sono frutto di anni di impegno e di lavoro mirato e continuato.
Alcuni ragazzi con sindrome di Down leggono e scrivono a livello superiore rispetto a quello di prima elementare. Possono essere indicative le seguenti stime: tra quel 60-70% che legge e scrive almeno a livello di prima elementare, il 30-40% legge e scrive a livello di seconda e il 10-15% circa a livelli ancora superiori.
Più complesso è rispondere alla domanda: “Ma come se la caverà in aritmetica?”
È necessaria una premessa: le prestazioni aritmetiche che di norma vengono richieste in prima elementare richiedono requisiti cognitivi (intelligenza, memoria, attenzione ecc.) tipici dei 6-7 anni. La situazione è perciò diversa rispetto alla lettura e alla scrittura richiedente una età intellettiva inferiore (4-5 anni). Questo spiega perché in questo campo i progressi sono spesso più difficili e molti siano i ragazzi con sindrome di Down che hanno prestazioni aritmetiche inferiori a quelle tipiche dei bambini di 6-7 anni.
Sul piano didattico è importante consolidare le acquisizioni, evitando conoscenze inutili, come potrebbe essere quella di saper contare fino a100, ma di non saper fare a mente 6+7.
Contemporaneamente è importante fornire basi di aritmetica pratica, come quella legata all’uso del denaro.
RV

Per approfondire
Apri link interno nell'attuale finestra.Leggere e scrivere
Apri link interno nell'attuale finestra.Aritmetica e matematica

Piazza Caduti per la Libertà 21 48121 Ravenna Tel. 0544.249128 Fax 0544.249149

intera.jpg, 3 kB